Laetiporus sulphureus

di | 7 Febbraio 2020

PERIODO E RACCOLTA

Dall’estate al tardo autunno.

 

DESCRIZIONE

Cappello di grandi dimensioni, sessile, raggiunge anche 40-50 cm, a forma di ventaglio, carnoso, sovente formato da tanti piccoli cappelli sovrapposti o agglomerati. Superficie ondulata dall’aspetto vellutato, spesso zonata, di colore giallo-arancio a giallo limone verso il margine del cappello. Cappelli ancorati al legno mediante uno pseudo gambo laterale che lo tiene ancorato al legno di crescita (su cui cresce). Carne spessa, tenace, gessosa negli esemplari adulti, dal colore giallastro , tubuli corti da 2 a 4 mm color giallo zolfo.

Foto by Mario Benassi

Foto by Mario Benassi

Foto by Mario Benassi

Laetiporus sulphureus

Laetiporus sulphureus

Laetiporus sulphureus

Laetiporus sulphureus

PROPRIETÀ ORGANOLETTICHE

Odore fungino intenso e sapore insignificante.

 

HABITAT

Parassita e saprofita, cresce per lo più su tronchi di latifoglie, più raro su conifere.

 

NOME SCIENTIFICO

Laetiporus sulphureus.

 

NOME DIALETTALE

Poliporo sulfureo.

 

COMMESTIBILITÀ

Non commestibile.

 

NOTE

Nonostante sia considerato non commestibile, gli esemplari giovani vengono  consumati in particolare nelle regioni del meridione.

 

 

 

Comments

Categoria: