Facebookyoutube
Cookie Policy
Privacy Policy
La particolarità di questo fungo è che condivide lo stesso habitat e lo stesso periodo di crescita dei porcini, per questo motivo è facile reperirlo nelle sue vicinanze.

PERIODO E RACCOLTA

Estate – autunno.

 

DESCRIZIONE

Cappello 3-12 cm di diametro, convesso, poi appianato, margine involuto, imbutiforme.Cuticola liscia, leggermente viscosa con il tempo umido.Colore bianco-grigiastro, lamelle fitte, sottili, strette, decorrenti sul gambo,biancastre, poi rosate a maturazione delle spore. Gambo corto, pieno, tenero, bianco, assottigliato alla base. Carne bianca, fragile, piuttosto molle, leggermente fibrosa nel gambo.

Foto di Mario Benassi
Foto di Ferrari Luca
Clitopilus prunulus
Clitopilus prunulus

 

 

 

 

 

 

 

Clitopilus prunulus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PROPRIETÀ ORGANOLETTICHE

Odore e sapore di farina. 

 

HABITAT

Boschi di latifoglie e conifere, nei prati e pascoli dall’estate fino al tardo autunno.

 

NOME SCIENTIFICO

Clitopilus prunulus.

 

NOME DIALETTALE

Prugnolo bastardo, Prugnol, Spion della brisa, fungo del lievito.

 

COMMESTIBILITÀ

Commestibile.

 

NOTE

Prestiamo attenzione perchè potrebbe essere confuso con le clitocybe bianche tossiche, che però non hanno mai odore di farina e nemmeno le lamelle rosate a maturità.

 

 

 

 

 

Commenti

Pubblicità